Contattaci 081.3176326

Benvenuti nell'e-Commerce di TeleConsul Editore

  • Carrello

    Il tuo carrello è vuoto

    Non hai articoli nel carrello.

Offerta TcWeb

Il tuo sito web completo conveniente e sempre aggiornato. Richiedi maggiori informazioni →

Assistenza clienti

I nostri uffici sono aperti
dal lunedì al venerdì,
dalle ore 9:00 alle 13:30 e
dalle ore 14:30 alle 18:00.

I nostri recapiti

Ufficio commerciale
Ufficio amministrativo

La contrattazione aziendale e quella di prossimità

VALIDO AI FINI DELLA FORMAZIONE CONTINUA (Vale 1 Credito).
40,00 € + IVA

La contrattazione aziendale e quella di prossimità

Altre viste

Dettagli

Valido ai fini della formazione continua obbligatoria 1 Credito

La contrattazione aziendale e quella di prossimità

Introduzione sul “contratto di prossimità”

A cura del dott. Francesco Capaccio

Argomenti trattati

  •  La contrattazione collettiva aziendale riveste una fondamentale importanza nella vita di ogni azienda; infatti, grazie a tale tipologia di contratti è possibile disciplinare alcuni aspetti dei rapporti di lavoro (quelli che il legislatore non ha riservato per se stesso) adattandoli perfettamente al contesto produttivo di riferimento (in cui si svolge la prestazione) e, quindi, alle esigenze imprenditoriali e dei lavoratori.
  •  Il ricorso a tale tipologia di contrattazione, nell’ultimo periodo, sta sempre più diffondendosi. Basti pensare, infatti, ai recenti provvedimenti del Governo Letta che hanno facultato i contratti collettivi, anche di tipo aziendale, a disciplinare ulteriori ipotesi di contratti a termine acausali, ovvero di poter addirittura bypassare lo “stop and go” (vale a dire l’intervallo di tempo che deve necessariamente intercorrere per evitare che il secondo contratto sia considerato a tempo indeterminato). Questo in materia di contratti a termine, ma gli esempi potrebbero ulteriormente continuare….per tutti, pensiamo alla contrattazione aziendale per individuare la “retribuzione di produttività” beneficiaria della decontribuzione e defiscalizzazione (minori contributi e imposte).
  •  Uno degli interrogativi che da sempre coinvolge tale tipo di contrattazione è l’ambito di efficacia soggettiva. In buona sostanza, dottrina e giurisprudenza - a volte con argomentazioni convergenti, talvolta con approdi sostanzialmente differenti – non sono concordi nel ritenere che le pattuizioni convenuto con un contratto aziendale possano spiegare la loro efficacia nei confronti di tutti i lavoratori, in special modo di quelli che non sono iscritti a nessun sindacato, ovvero che siano iscritti a sindacati che quelle intese non hanno sottoscritto.
  •  Anche il recente accordo di inizio gennaio di quest’anno tra le confederazioni sindacali dei lavoratori storicamente più rappresentative e la Confindustria non sembra dipanare tale interrogativo.
  •  Nel 2001, con il decreto legge 138/2011, il legislatore ha dato vita alla c.d. “contrattazione di prossimità” o meglio i contratti art. 8 (denominazione desunta dal numero dell’articolo che li ha introdotti). Si tratta di particolari accordi aziendali e, a dire il vero, anche territoriali, che – nel rispetto di determinati vincoli (soggettivi, oggettivi e di scopo) – sembrano avere una efficacia erga omnes.

Dopo l’acquisto il video sarà disponibile su www.tcformazione.it

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa virgolette singole (') per frasi.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.